alfabeto pirandelliano (12ª ed.)-leonardo sciascia-9788845907098

ALFABETO PIRANDELLIANO (12ª ED.)

 (En papel)

LEONARDO SCIASCIA

, 1989
  • Nº de páginas: 92 págs.
  • Encuadernación: Tapa blanda
  • Editorial: ADELPHI
  • Lengua: ITALIANO
  • ISBN: 9788845907098
In una nota del 29 agosto 1978 apparsa in "Nero su nero", Leonardo Sciascia così concludeva una sua meditazione sulla letteratura che gli nasceva a margine del 'pamphlet' sul caso Moro terminato pochi giorni prima: "E. allora: che cosa è la letteratura? Forse è un sistema di 'oggetti eterni' (e uso con impertinenza questa espressione del professor Whitehead) che variamente, alternativamente, imprevedibilmente splendono, si eclissano, tornano a splendere e ad eclissarsi - e così via - alla luce della verità. Come dire: un sistema solare". Sul crinale di questo curioso platonismo lo spingevano le numerose sollecitazioni ricevute, in forza di intense riletture, da scrittori come Borges, Savinio e Borgese: nel culto delle inquisizioni filologiche in una apocrifa, metafisica e circolare storia letteraria, nella pratica della divagazione come forma suprema di intelligenza, nell'esperienza dell'arte come "sistema di tangenti sulla curva dell'oscuro", per dirla con una felice e audace formula dell'autore di "Rubè".
Da queste considerazioni sulla letteratura, che a quelle sullo scrivere il leggere ed il rileggere s'intrecciavano, lasciate cadere con impagabile noncuranza nei risvolti di copertina, nelle note finali dei testi e nei punti apparentemente morti della narrazione, hanno avuto origine le cronachette, le indagini storico-erudite, i romanzi brevi degli ultimi anni. Di deviazione in disgressione, di diversione in divertimento, sul filo di un leggerissimo estravagare, le pagine della biblioteca universale si traducevano nei modi vicari di una trasparente e non turbata esistenza, di classica compostezza e sobrietà. Il mondo dei libri offriva, insomma, la giusta chiave per penetrare nel libro del mondo. La pirandelliana "Come tu mi vuoi" poteva distenebrare il caso dello smemorato di Collegno ne "Il teatro della memoria" (1981); un passo di Montaigne gettare luce sul processo de "La sentenza memorabile" (1982); una pagina dei "Promessi sposi" ed una nota della "Storia di Milano" di Pietro Verri glossare un fatto di stregoneria del XVII secolo ne "La strega e il capitano" (1986); citazioni di Stendhal, Verga, D'Annunzio

$249.00

$236.55

Inseparables, comprar "ALFABETO PIRANDELLIANO (12ª ED.)" junto con:

alfabeto pirandelliano (12ª ed.)-leonardo sciascia-9788845907098
una storia semplice-9788845907296
UNA STORIA SEMPLICE LEONARDO SCIASCIA

Cómpralos hoy por

alfabeto pirandelliano (12ª ed.)-leonardo sciascia-9788845907098
il mare colore del vino-9788845925634
IL MARE COLORE DEL VINO LEONARDO SCIASCIA

Cómpralos hoy por

alfabeto pirandelliano (12ª ed.)-leonardo sciascia-9788845907098
il consiglio d egitto-9788845924477
IL CONSIGLIO D EGITTO LEONARDO SCIASCIA

Cómpralos hoy por

Datos del libro

  • Nº de páginas: 92 págs.
  • Editorial: ADELPHI
  • Lengua: ITALIANO
  • Encuadernación: Tapa blanda
  • ISBN: 9788845907098
  • Año edición: 1989
  • Plaza de edición: MILANO

Resumen

In una nota del 29 agosto 1978 apparsa in "Nero su nero", Leonardo Sciascia così concludeva una sua meditazione sulla letteratura che gli nasceva a margine del 'pamphlet' sul caso Moro terminato pochi giorni prima: "E. allora: che cosa è la letteratura? Forse è un sistema di 'oggetti eterni' (e uso con impertinenza questa espressione del professor Whitehead) che variamente, alternativamente, imprevedibilmente splendono, si eclissano, tornano a splendere e ad eclissarsi - e così via - alla luce della verità. Come dire: un sistema solare". Sul crinale di questo curioso platonismo lo spingevano le numerose sollecitazioni ricevute, in forza di intense riletture, da scrittori come Borges, Savinio e Borgese: nel culto delle inquisizioni filologiche in una apocrifa, metafisica e circolare storia letteraria, nella pratica della divagazione come forma suprema di intelligenza, nell'esperienza dell'arte come "sistema di tangenti sulla curva dell'oscuro", per dirla con una felice e audace formula dell'autore di "Rubè".
Da queste considerazioni sulla letteratura, che a quelle sullo scrivere il leggere ed il rileggere s'intrecciavano, lasciate cadere con impagabile noncuranza nei risvolti di copertina, nelle note finali dei testi e nei punti apparentemente morti della narrazione, hanno avuto origine le cronachette, le indagini storico-erudite, i romanzi brevi degli ultimi anni. Di deviazione in disgressione, di diversione in divertimento, sul filo di un leggerissimo estravagare, le pagine della biblioteca universale si traducevano nei modi vicari di una trasparente e non turbata esistenza, di classica compostezza e sobrietà. Il mondo dei libri offriva, insomma, la giusta chiave per penetrare nel libro del mondo. La pirandelliana "Come tu mi vuoi" poteva distenebrare il caso dello smemorato di Collegno ne "Il teatro della memoria" (1981); un passo di Montaigne gettare luce sul processo de "La sentenza memorabile" (1982); una pagina dei "Promessi sposi" ed una nota della "Storia di Milano" di Pietro Verri glossare un fatto di stregoneria del XVII secolo ne "La strega e il capitano" (1986); citazioni di Stendhal, Verga, D'Annunzio

0

Valoración Media

Todavía no ha sido valorado

Valoraciones usuarios

  • (0)
  • (0)
  • (0)
  • (0)
  • (0)

Recomendaciones usuarios

  • 0% No ha sido todavía recomendado
Haz tu recomendación

Opiniones "ALFABETO PIRANDELLIANO (12ª ED.)"

No hay opiniones para este producto

Hazte un hueco en la comunidad de Casa del Libro, regístrate